La nostra storia

1957. Il 6 febbraio, 108 fondatori sottoscrivono l’atto costitutivo. Il 7 luglio viene inaugurata la prima sede sociale. Il 14 luglio apre il primo sportello e ha inizio l’operatività della Cassa.

1963. Si costituisce l’I.C.C.R.E.A. e la Cassa sottoscrive 5 azioni.

1964. L’Assemblea approva la modifica all’art. 36 dello Statuto che stabilisce la destinazione a beneficienza di una parte degli utili.

1965. La Cassa aderisce alla Federazione Interregionale delle CC.RR.AA. di Puglia e Lucania.

1972. Il rag. Bini, Presidente della Cassa dalla fondazione, non ripropone la propria candidatura. L’Assemblea elegge alla Presidenza il Dr. Domenico Argese.

1974. È assegnato il servizio Tesoreria del Comune di Castellana Grotte. Direttore della Cassa è nominato il rag. Giovanni Primavera. La Banca d’Italia autorizza l’apertura di uno sportello stagionale in località Grotte di Castellana. L’Assemblea delibera l’operatività della Cassa nei comuni limitrofi. Si acquista un vecchio stabile in via Roma per costruire una nuova sede per soddisfare le accresciute esigenze.

1975. La Cassa sottoscrive con la Coop. Artigiana di Garanzia la prima convenzione per l’erogazione di prestiti artigiani di esercizio.

1978. Si inaugura la nuova sede sociale ed operativa in via Roma, 56. 1980. L’Assemblea approva il regolamento per le elezioni delle cariche sociali. Viene sottoscritto l’atto costitutivo della SO.C.R.A. (Cooperativa Soci della Cassa Rurale ed Artigiana di Castellana Grotte).

1981. Parte il primo sportello “riscontro cassa” computerizzato.

1982. La Banca d’Italia autorizza la trasformazione in permanente dello sportello stagionale delle Grotte.

1989. Ha inizio l’operatività dello sportello bancario in Polignano a Mare.

1992. Il rag. Pietro Fanelli, già vice Direttore, è nominato Direttore.

1993. Ha inizio l’operatività dello sportello in Piazza Vittorio Emanuele II a Castellana Grotte.

1995. Il 15 ottobre viene approvato il nuovo Statuto Sociale, conforme alle previsioni del Testo Unico, che sancisce il passaggio della Cassa alla nuova dimensione di Banca di Credito.

1996. Inizia l’operatività dello sportello di Putignano, previo trasferimento e cessazione dello sportello delle Grotte. Il Dr. Domenico Argese non ripropone la propria candidatura e il 16 aprile l’Assemblea elegge il nuovo Consiglio di Amministrazione con la Presidenza dell’avv. Augusto dell’Erba. La Cassa conta 4 sportelli, 51 dipendenti e 2.600 soci.

1997. L’1 gennaio è nominato Direttore generale il rag. Francesco Venneri. Il Presidente dell’Erba viene nominato Presidente dell’Associazione delle Banche di Credito Cooperativo di Puglia e Basilicata.

1999. È operativa la nuova succursale di Triggianello.

2000. Fusione per incorporazione della Bcc di Policoro, con acquisizione delle succursali di Policoro e Scanzano Jonico. La Cassa acquisisce la proprietà del cineteatro So.C.R.A.Te.

2001. La Cassa costituisce con altre BCC/CRA di Puglia e Basilicata il CO.SE.BA. S.c.p.a. per l’esternalizzazione dei controlli interni. Il 31 dicembre la Cassa apre due ulteriori succursali nei comuni di Noci e di Montalbano Jonico.

2002. A novembre il Consiglio di Amministrazione delibera di istituire una nuova succursale nel Comune di Turi.

2003. A luglio è inaugurato il nuovo “Centro Servizi” della Cassa, allestito nell’immobile di via del Lago. A fine anno, la Cassa opera con una rete di 9 succursali ed effettua sportello di tesoreria e cassa per conto di enti privati e pubbliche amministrazioni; conta 98 dipendenti e 3.326 soci.

2004. A febbraio diventa operativa la nuova succursale di Turi.

2006. A gennaio è nominato Direttore Generale il Dott. Antonio Seclì, già nell’organico della Banca dal 2002.

2008. Nel mese di dicembre divienta operativa la terza filiale a Castellana Grotte.

2010. Nel mese di giugno inizia ad operare la filiale presso Mola di Bari.

2011. Nel mese di maggio è inaugurata e diviene operativa la filiale di Bari.

BCC Castellana Grotte. Una banca sempre presente.